Date ad Auron quel che è di Auron

730
0
CONDIVIDI

Roma – 2 settembre 2006. Paolo Ravagnani alias il Cannibale, quello che diventa un Jeeg, conosciuto ai più come Auron, è il re d’Italia!
Vince il suo sesto torneo Pes League, il più difficile! Batte tutti i finalisti provenienti da ogni parte d’Italia. Il talento di Rovigo è un rullo compressore e batte in sequenza assi del calibro di MattBrioches, Mr.Dead vittorioso poco prima sull’irrequieto TigerMask, JuzaSP l’altro fortissimo bresciano dei Devils, un certo Kerobba 5° al mondo e infine, come se fosse un vero passaggio di consegne, sconfigge anche l’onnipresente The Legend.
Il calcio analogico totale del Milan è stato ancora una volta perfetto, e ha decretato irrevocabilmente la propria superiorità su tutti gli altri moduli e metodi per condurre una squadra di Pro Evolution Soccer 5.
Il tabellone finale è una sintesi massima di Pes di quest’anno. Ci sono tutti! S4ur0n e Brunaldo10 buttati fuori entrambi da JuzaSP, il capitano dei LanWar Sagiptar perde con KGB agli ottavi, Pavel incontra presto Legend e lo tiene in tensione fino alla tiratissima bella e poi SteoTNT che esce con un formidabile DemaSan il quale a sua volta deve inchinarsi alla strepitosa giornata dell’outsider ViRgiL. Il campione del clan F.B.I., infatti, tornerà a Melfi (PZ) con la coppa del 3° d’Italia, dopo aver battuto Kerobba nella finalina.
Il maestro del calcio tecnico TigerMask vede spegnersi ogni speranza contro il compagno di clan Mr.Dead ai sedicesimi. Così come era successo agli Internazionali di Busnago questa volta Tiger si trova però dalla parte dello sconfitto. Qualche situazione non chiara gli fa perdere la testa e il crollo psicologico è dietro l’angolo. Infatti nel ritorno, sotto di 2 gol, il gioiello romano sbrocca e abbandona la partita prematuramente.
Dunque l’imperturbabile Auron vestirà la maglia di Campione d’Italia in occasione degli Europei di Dublino che si svolgeranno il weekend dell’8 ottobre. Vista l’egemonia che ha imposto durante l’anno, il titolo di più forte sembra proprio una normale conseguenza. Accanto a lui inserisce il suo terzo “gettone presenza” The Legend. Il prossimo European Pes Championship sarà per lui la terza partecipazione ad una competizione internazionale, dopo i Mondiali ESWC e gli stessi Europei del 2005. Solo Arabian Joker, l’ex Campione del Mondo, può vantarne un numero maggiore.
Insomma siamo di fronte a un capovolgimento rispetto agli Internazionali di Busnago. Dopo la vittoria dei romani a Milano, Legend e Auron infliggono il terzo sacco nella storia della capitale. E questa volta si tratta di Pes!
La Pes League decide di assegnare a entrambi la vittoria del ranking nazionale. Una tale eccezionalità meritava solo un riconoscimento per entrambi. L’Albo d’oro del 2006 dunque avrà 2 nomi!
Ancora congratulazioni al clan Lanwar che viene premiato a conclusione della Finale come vincitore del ranking clan. Senza dubbio la compagine più completa e omogeneamente distribuita sulla penisola sin dall’inizio della stagione.
I LanWarriors sono infatti gli unici che riescono a piazzare 3 player tra i primi 10 della classifica: Rebus con 124 punti, il capitano Sagiptar con 121 e DemaSan con 119.
I The Machinist ovviamente possono vantare il Campione dei campioni mentre i Devils hanno l’altro primo Legend, entrambi, come sappiamo, a 299. Terzo rimane Pavel, appena passato da Lanwar ai Soliti Ignoti. Il quarto, Enea Righetti, appaiato con solo 2 punti in meno resta fedele alla sua autonomia più completa. Niente clan sin dall’esordio. La classifica segue con il tarantino MarcoArmani del Virtual Center e il lucano S4uR0n dell’F.B.I. rispettivamente a 126 e 125. I 3 LanWarriors citati prima sono settimo, ottavo e decimo. Ottavo a pari punti anche il romano Brunaldo10. Un inizio di stagione scoppiettante ma una fine sicuramente inferiore alle attese.
Per quanto riguarda i clan i The Machinist, nonostante la vittoria di Jeeg Robot, si assestano al terzo posto del ranking a 32 punti dai Devils, secondi. Chissà cosa sarebbe successo se Legend fosse passato al clan attuale qualche tempo fa.
I KillJoy aprono il gruppo degli inseguitori con quasi 200 punti di ritardo. Quinto il Little Italy, mentre sesto ha resistito il Vidgent malgrado l’uscita di numerosi player a campionato in corso.

Come detto siamo arrivati alla conclusione. Facciamo i complimenti a tutti voi per l’anno appena trascorso e un grandissimo in bocca al lupo perchè possiate essere protagonisti con Pro Evolution Soccer 6.
Alla prossima edizione!