PES League – Grande squalo Ettore, caccia in mare aperto!

203
0
CONDIVIDI

Risponde alla grande in termini di numero l’appuntamento calabrese di Corigliano. Risponde da squalo bianco Ettorito che, fiutando il pericolo della concorrenza sempre più agguerrita, decide di andare a caccia mostrando la sua doppia fila di denti aguzzi. Il campione barese conquista il suo secondo Master stagionale dopo quello di Messina: un bottino impreziosito anche dal terzo posto nella prima tappa di Acerra, che dopo l’ultimo aggiornamento dei ranking gli vale il primo posto nella classifica Master. “Dove sta la novità?” direbbe qualcuno, visto che Ettorito vincitore del Ranking, a inizio stagione era quotato come il Celtic in Scozia. Nessuna novità particolare infatti, piuttosto il prestigio infinito di un player che ha ancora tanta fame, nonostante in questi anni si sia abbuffato come a un pranzo di nozze di Alberobello. Vince Ettore…”Ah vabbè…”. Perde Ettore… “Ormai non è più quello di prima…”. Non è facile fare i conti con questo ritornello, star dietro costantemente a dei limiti che si fanno via via più estremi, mantenere un rendimento eccellente stagione dopo stagione con l’asticella che si alza sempre di più. Perché sono in tanti ad aver fatto l’exploit di un anno, o ad aver dominato in un piccolo ciclo ritagliandosi il loro capitolo di storia; ma la vera e propria dittatura imposta da Ettore alla PES League è qualcosa che non ha precedenti, e che sembra ancora ben lontana dal concludersi. Premiamo questo, oggi, di Ettore, la costanza infinita di un player che ha sempre nuovi record da battere, e soltanto diciotto anni sulla carta d’identità. La cattiveria di continuare a picchiare duro sul pad, di essere sempre il numero uno, senza menarsela più di tanto.

Lui resta lì, gli avversari cambiano in continuazione, ma questa volta sembrano davvero agguerriti, e ben equipaggiati per la battaglia. In questi termini, a Corigliano Calabro il secondo posto va a Germano “Benny Blanco” Millarte, primo del suo nome, cavaliere bramoso di gloria e dotato di talento, giunto in finale con l’amara soddisfazione di aver dovuto sconfiggere Moreno nel penultimo turno di competizione. Nella logica del clan, tuttavia, il bene della squadra viene prima di tutto; l’Ordine è già un grosso clan, e uno dopo l’altro sta mandando i suoi uomini a sfiancare il boss di fine livello. Stavolta per Germano esce la scritta “Continue?”, lui ha finito i gettoni ma la partita con i Supremacy non finisce certo qui! Continuando a celebrare il podio di Corigliano, è un piacere incoronare al terzo posto “Il miglior Koppacolla di sempre”. Bove è in stato di grazia a Corigliano, e chi ne fa le spese più di tutte è Milvusss: con tanto di cagnolone al seguito, il Pirata Rosso rifila un cestino con sei pere al campione d’Italia Renzo Lodeserto, ma lo scontrino del fruttivendolo arriva proprio contro Koppacolla dei Salent Hill, che mette fine alla sua corsa. Perderà soltanto di misura contro Ettore, ma Alessandro chiuderà il suo torneo con un altro acuto, vincendo la finalina contro Moreno. Tanta roba!

Ettore, Germano, Alessandro, Moreno: questi i nomi usciti davanti a tutti dal Games Time di Reggio Calabria, ma oltre ad essi si segnalano le belle prestazioni di Giuseppe Nobile, direttamente dalla vecchia scuola, Vincenzo Notarnicola, Domenico Coppola e Gianfranco Recchia: tutti arrivati con orgoglio fino ai quarti di finale del torneo che ora passa la palla a Roma! Esattamente. Sempre grazie a Games Time domenica PES League torna a casa di 123Stella, nella capitale finalmente, per un torneo che promette di essere davvero…

…UN’ESPLOSIONE GALATTICA!